Tag

anteprima

Apprendiamo dal  senatore PD gnazio Marino che il ministro Riccardi avrebbe l’intenzione di finanziare nel 2013 la modica cifra di 500.000 eur per sostenere le attività del Programma speciale delle Nazioni Unite per la salute riproduttiva (Hrp).
Riccardi non conferma né smentisce.

La risposta temporeggiatrice del suo ufficio stampa, riportata da  Il Foglio di venerdì 29 giugno, lascia stupefatti. I casi, infatti, sono due: o il senatore Marino, a nome del nostro paese, ha annunciato i fondi da parte del ministro a insaputa del ministro stesso – il che sarebbe molto grave – oppure Riccardi ha effettivamente dato mandato a Marino dell’annuncio, il che è ancora più grave.
E’ infatti esclusa la possbilità che un ministro della Cooperazione internazionale esperto come Andrea Riccardi ignori cosa significhi l’espressione “salute riproduttiva” nei programmi ONU, e che ignori la posizione della Santa Sede a riguardo.

Cosa significhi l’apparentemente innocuo termine “salute riproduttiva” lo spiega Il Foglio: “Accanto alla promozione della salute materno-infantile, e quindi alla lotta alla mortalità materna e al miglioramento della salute della donna legata alla sua possibilità di procreare, quella definizione ricomprende infatti il vasto e spinoso capitolo – spinoso almeno per i cattolici, ma non solo per loro – della contraccezione (preventiva e d’emergenza) e dell’aborto, senza contare l’altro controverso capitolo della vaccinazione contro il papillomavirus, indirizzata a bambine e adolescenti. Proprio la scorsa settimana, tra l’altro, l’Hrp ha presentato a Ginevra l’edizione aggiornata di “Aborto sicuro: guida tecnica e politica per i sistemi sanitari”. Leggiamo direttamente sul sito dell’Hrp – che dedica il mese in corso alla promozione e all’informazione della pillola del giorno dopo – la descrizione delle sue attività. Che prevede anche “la messa a punto di soluzioni sicure e accettabili in materia di aborto medico, compresa l’utilizzazione di mifepristone-misoprostol (si tratta dell’aborto chimico con la Ru486, ndr). La ricerca continua per migliorare l’efficacia e ridurre gli effetti secondari di questi medicamenti”.

Ci domandiamo se questi soldi rappresentano, oltre che da un punto di vista etico e morale, ciò di cui il nostro paese ha più bisogno.
Ci domandiamo anche con quale trasparenza il ministro cattolico Riccardi si pone nei confronti di chi, come lui, condivide una visione della vita che tenda a costruire, sostenendo la vita soprattutto dei più deboli, gli indifesi ancora non nati.

Allora, caro ministro,  conferma o smentisce?
Il convegno di Todi che l’ha formalmente eletta prima di Monti, prevedeva forse l’asservimento dei cattolici al potere di turno?
A questo ci saremmo ridotti?

Sguardoleale socio di SamizdatOnLine

Articoli correlati:
Salute riproduttiva: da Italia possibili 500.000 euro per programma Onu – Ignazio Marino
Marino, Riccardi e lo strano caso dei fondi alla “salute riproduttiva” – Il Foglio
Lettera a Il Foglio su salute riproduttiva – Stranocristiano

Sito di origine: 

Sguardoleale

Annunci