Berlicche

Forse avete sentito anche voi del terrorista nel centro commerciale kenyota che, rimproverato da un bambino, asserisce di non essere un mostro, gli dà un dolcetto e lo fa scappare con la madre.
La maggior parte delle cose che avrei voluto scrivere sono già state messe giù in un altro articolo, e quindi non starò a ripetere. Voglio solo fare una piccola notazione.
L’attentatore dice “Non siamo mostri”. Ma il bambino gli dice “Siete molto cattivi”. Qual è la differenza tra i due?

Lo sguardo. In un caso abbiamo lo sguardo di un bambino, senza sovrastrutture, senza costruzioni mentali, senza giustificazioni. Senza ideologie. Osserva la realtà. Giudica.
Dall’altra chi non si sente colpevole, perché il male che fa è giustificato da altro. E questa è precisamente la cattiveria: credere di potere fare il male impunemente. Motivare il proprio male.
E noi, siamo dalla parte di quelli che “cos’è…

View original post 9 altre parole

Annunci