Rules

Un paio di regole, giusto per evitare che possano sorgere in futuro diatribe varie.


I

Qualsiasi commento deve recare o il profilo di chi lo lascia, o almeno uno pseudonimo (in tal caso, lasciate sempre lo stesso, perché tenare di spacciarsi per più di una persona è difficile se uno può vedere gli i.p.): semplice rispetto verso gli altri, che almeno sanno con chi sanno dialogando, e rispetto verso voi stessi, se non volete fare la fine della pianta aristotelica (quella che non viene considerata nemmeno se piange in lingua barbara).

 

II

Ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero, ma questo non legittima gli altri, in nessun caso, ad avanzare critiche personali: si discute sulle idee e sui ragionamenti, se volete “aspettarvi fuori” fatelo lontano da questo blog.

 

III

Quando decidete di postare in uno degli articoli, assicuratevi che il vostro commento sia attinente: se il tema riguarda un certo argomento, scrivere cose che non ci incastrano un emerito fico secco causerà solo disturbo e farà sorgere nella mente altrui che abbiate qualche problema di comprensione scritta del linguaggio.

 

IV

Quando rispondete, evitate di rivaleggiare con Dante sulla lunghezza degli elaborati: chiarezza e concisione sono due tratti che denotano estrema proprietà di linguaggio e capacità espositive, nonché buona conoscenza dell’argomento. In pratica, ci farete buona figura; in caso contrario, causerete solamente noia e necrosi delle gonadi, nonché -eventualmente- la cancellazione del vostro inutile intervento.

 

V

Chiarezza e precisione sono assi portanti di ogni discorso che intenda servire veramente agli altri: in un dibattimento, qualora si rendesse necessario testimoniare delle prove, si forniscano link o rimandi vari precisi; l’assenza di questi, ovviamente, potrà generare nei lettori l’ipotesi che la vostra argomentazione sia una -poco- simpatica nuvoletta fuoriuscente da un forno guasto, con tanto di arrosto carbonizzato.

 

VI

Questo blog non è un centro sociale, né una tribuna politica: si usa un linguaggio semanticamente e grammaticalmente corretto, nonché rispettoso, che non causi dissidi o provochi vituperi, o ancor peggio che ingiuri verso qualsivoglia persona o istituzione. Come qualsiasi spazio pubblico, si adopera la cortesia ed il rispetto verso gli altri: toni supponenti o di aperta denigrazione verso gli altri sono ammessi quanto lo è un tifoso del Liverpool in mezzo agli ultras di Manchester.

Nel caso non riusciate proprio a fare a meno di sputare contro il primo che passa, allora, potete tranquillamente girare i tacchi ed andarvene.

 

VII

Ed infine, the last but not the least, una perla di saggezza: Non nobis Domine, sed nomini Tuo da gloria.


Chiunque decida di postare in questo blog, con l’atto stesso del posare, dichiara di aver letto, compreso ed accettato il presente regolamento in ogni sua parte. L’amministratore del blog si riserva di cancellare i commenti che non rispettino il regolamento di cui sopra, nonché di interdire la possibilità di commentare a quegli utenti che si siano stupidamente distinti per la violazione reiterata dello stesso. Se non vi sta bene, quella è la finestra del ventigesimo piano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...